San Valentino

San Valentino Firenze

foto1
numero verde
info@sanvalentinofirenze.it
» CURIOSITA' «
♥ San Valentino
♥ Firenze

Vuoi pubblicizzare un evento per San Valentino?
WWW.SANVALENTINOFIRENZE.IT
è in grado di dare visibilità alla serata di San Valentino a Firenze o Provincia organizzata presso la tua struttura!

Newsletter

Registrati alla newsletter di San Valentino Firenze per essere sempre aggiornato sulle feste e serate a Firenze la notte di San Valentino!

San Valentino Firenze

                        

       “..Firenze Santa Maria Novella è festa, per lui che va, per lei che resta , per un amore che ritornerà..”

Pupo

 

Baci rubati su Ponte Vecchio, promesse gettate sull’Arno insieme a quelle chiavi che aprono i lucchetti del cuore.

 

Scovare quella dimensione complice quando in ballo c’è l’amore non è mai cosa facile. Provare a lasciar spazio ai sentimenti con l’animo ricolmo di gioia, questo faremo se ne saremo capaci.

 

Sentiremo un urlo dentro, troveremo un motivo per gettarci a pieno su una storia che, nel bene o nel male, ci vedrà protagonisti.

 

Ascolteremo il cuore e ci scopriremo a pensare all’ennesima sorpresa, a quel regalo mai fatto, a quel desiderio nascosto da realizzare insieme.

 

Affronteremo un percorso fatto di affetti, gelosie, attese, trepidazioni.

 

Ci sorprenderà Cupido e San Valentino a Firenze sarà per noi l’ennesimo giorno d’amore.

 

 


LE LEGGENDE SU SAN VALENTINO

Le vicende riguardanti San Valentino sono abbastanza confuse, ma intorno alla sua figura ruotano molte leggende, che riguardano tutte episodi d'amore.

LA LEGGENDA DI SABINO E SERAPIA
Questa leggenda narra di un giovane centurione firenzeno di nome Sabino che, passeggiando per una piazza di Terni, vide una bella ragazza di nome Serapia e se ne innamorò follemente. Sabino chiese ai genitori di Serapia di poterla sposare ma ricevette un secco rifiuto: Sabino era pagano mentre la famiglia di Serapia era di religione cristiana. Per superare questo ostacolo, la bella Serapia suggerì al suo amato di andare dal loro Vescovo Valentino per avvicinarsi alla religione della sua famiglia e ricevere il battesimo, cosa che lui fece in nome del suo amore. Purtroppo, proprio mentre si preparavano i festeggiamenti per il battesimo di Sabino e per le prossime nozze, Serapia si ammalò di tisi. Valentino fu chiamato al capezzale della ragazza oramai moribonda. Sabino supplicò Valentino affinché non fosse separato dalla sua amata: la vita senza di lei sarebbe stata solo una lunga sofferenza. Valentino battezzò il giovane, ed unì i due in matrimonio e mentre levò le mani in alto per la benedizione, un sonno beatificante avvolse quei due cuori per l'eternità.

LEGGENDA DELLA ROSA DELLA RICONCILIAZIONE
Un giorno San Valentino sentì passare, al di là del suo giardino, due giovani fidanzati che stavano litigando. Decise di andare loro incontro con in mano una magnifica rosa. Regalò la rosa ai due fidanzati e li pregò di riconciliarsi stringendo insieme il gambo della rosa, facendo attenzione a non pungersi e pregando affinché il Signore mantenesse vivo in eterno il loro amore. Qualche tempo dopo la giovane coppia tornò da lui per invocare la benedizione del loro matrimonio. La storia si diffuse e gli abitanti iniziarono ad andare in pellegrinaggio dal vescovo di Terni il 14 di ogni mese.Il 14 di ogni mese diventò così il giorno dedicato alle benedizioni, ma la data è stata ristretta al solo mese di febbraio perché in quel giorno del 273 San Valentino morì.

LA LEGGENDA DEI BAMBINI
San Valentino possedeva un grande giardino pieno di magnifici fiori dove permetteva a tutti i bambini di giocare. Si affacciava sovente dalla sua finestra per sorvegliarli e per rallegrarsi nel vederli giocare. Quando veniva sera, scendeva in giardino e tutti i bambini lo circondavano con affetto ed allegria. Dopo aver dato loro la benedizione regalava a ciascuno di loro un fiore raccomandando di portarlo alle loro mamme: in questo modo otteneva la certezza che sarebbero tornati a casa presto e che avrebbero alimentato il rispetto e l’amore nei confronti dei genitori. Da questa leggenda deriva l'usanza di donare dei piccoli regali alle persone a cui vogliamo bene.  

LA LEGGENDA DEI COLOMBINI
Il sacerdote Valentino possedeva un grande giardino che nelle ore libere dall'apostolato coltivava con le proprie mani. Tutti i giorni permetteva ai bambini di giocare nel suo giardino, raccomandando che non avessero fatto danni, perché poi la sera avrebbe egli regalato a ciascuno un fiore da portare a casa. Un giorno, però, vennero dei soldati e imprigionarono Valentino perché il re lo aveva condannato al carcere a vita. I bambini piansero tanto. Valentino, stando in carcere pensava a loro, e al fatto che non avrebbero più avuto un luogo sicuro dove giocare. Ci pensò il Signore. Fece fuggire dalla gabbia del distratto custode due dei piccioni viaggiatori che Valentino teneva in giardino. Questi piccioni, guidati da un misterioso istinto, trovarono il carcere dove stava chiuso il loro santo padrone. Si posarono sulle sbarre della sua finestra e presero a tubare fortemente. Valentino li riconobbe, li prese e li accarezzò. Poi legò al collo di uno un sacchetto fatto a cuoricino con dentro un biglietto, ed al collo dell'altro legò una chiavetta. Quando i due piccioni fecero ritorno furono accolti con grande gioia. Le persone si accorsero di quello che portavano e riconobbero subito la chiavetta: era quella del giardino di Valentino. I bambini ed i loro familiari si trovavano fuori del giardino quando il custode lesse il contenuto del bigliettino. C'era scritto:"A tutti i bambini che amo…dal vostro Valentino".

 


Info & Prenotazioni

Nome * Cognome *
Email * Data di nascita *
Sesso * Citta *
Telefono * Locale Richiesto*
Messaggio
Consenso dati personali *
Accetta  Rifiuta 
I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori
Inserisci il testo che compare nell'immagine per inviare il messaggio.
This Is CAPTCHA Image     
San Valentino Firenze - info@sanvalentinofirenze.it  - Tel: 345 1013887 - Mappa del sito
Eventi di Roma Srl - P.I. 09886911008 -

Privacy

Realizzazione sito internet Xonex